Verbale incontro del 11 Novembre 2014

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Verbale incontro del 11 Novembre 2014

Messaggio Da Marco Bella il Gio Nov 13, 2014 10:36 am

Grazie al lavoro delle colleghe M.Previati e S.Arestia, ecco un breve verbalino dell'incontro tenutosi l'11 Novembre con la Dietista dott.ssa Bonato ed il Responsabile Sodexo per la cucina di Collegno sig. Mazzone.


INCONTRO INFORMATIVO SULLA MENSA SCOLASTICA

Il giorno 11/11/2014 alle ore 17.00 presso la scuola Marconi si è tenuto un incontro informativo sulla mensa scolastica tenuto dalla Dott.ssa Bonato e dal responsabile Sodexo, azienda appaltatrice, sig. Mazzone.
Era presente anche la maestra Marilena Dozzo, coordinatrice della Commissione mensa del nostro circolo. La commissione ha, tra gli altri compiti, quello di ricevere lamentele, disagi, criticità da comunicare tempestivamente alla dietista. Grazie a questo lavoro si riesce a sotituire le ricette non gradite oppure ad inserirne di nuove o migliorare quelle esistenti. Alcuni esempi: inserite più ricette di polpette; richiesto alimenti più gustosi; proposti altri sughi; richiesto di frullare per i sughi a base di verdure.
L'argomento è vasto e i relatori sono stati eloquenti e disponibili al confronto utilizzando slide per meglio presentare l'abbondanza di informazioni; per tale motivo cercheremo di affrontare tutti i temi trattati ma con una certa sintesi.

SODEXO

Tutto il personale, attivo ormai da 12 anni, e' assunto da Sodexo e sono circa cento dipendenti con esperienza e periodicamente aggiornati attraverso corsi di formazione. Da capitolato non si può subappaltare due componenti importanti:
-La preparazione del pasto
-La distribuzione del pasto
Siamo stati anche informati che la Sodexo mette a disposizione tutti i giorni un furgone dalle 12.30 alle 14.00, pronto per consegnare le porzioni mancanti in tutte le scuole di Collegno.
L'azienda effettua i controlli sulla qualità del servizio, con ispezioni, analisi chimiche e microbiologiche, analisi specifiche mirate all'esclusione di alimenti contenenti OGM e altre di controlli su alimenti biologici. Esistono fondi destinati a controlli analitici per Cucine Asili nido, Scuole infanzia, primarie e secondarie; mense dipendenti, HACCP, controlli igiene addetti/ambiente, ecc..
I pasti sono stati, per l'anno passato, complessivamente 561.834, prodotti in n. 2 cucine centralizzate situate una, la più grande, presso l'ex padiglione 14 all'interno del parco Dalla Chiesa, a servizio di scuole dell'infanzia, primarie e secondarie; la seconda, più piccola, presso l'asilo nido Salvo D'acquisto, a servizio degli asili nido. Si parte dall'alimento fresco e si termina con la cottura e la consegna del pasto finito (Linea fresco-caldo).
I menù seguono il Manuale Applicativo TOASL3. Gli alimenti seguono una rotazione settimanale.

ROTAZIONE PASTI SETTIMANALI (tra parentesi il consiglio della dietista per la cena)
* Pasta asciutta 5 volte (si consiglia 1 a cena)
* 2/3 volte carne con preferenza bianca
* 1 volta pesce (2 volte a cena)
* 1 volta uova
* 1 volta affettati
* 1 volta minestra (5 a cena)
* 1 volta legumi (piatto unico 1 a cena)
* 1 volta patate di contorno quando di primo c'è la minestra (1 a cena)
* 6 volte verdure cotte/crude fra pranzo e cena
Fisso pane - acqua - frutta... A volte si sostituisce la frutta con budino/yogurt .

EDUCAZIONE ALIMENTARE - PATTO FORMATIVO SCUOLA E CITTA' - PROGETTI IN ATTUAZIONE

"PRODOTTO DELL' ORTO", attualmente in atto, nato per incentivare il consumo di frutta e verdura, comprendere i cicli naturali di semina e raccolta, la stagionalità dei prodotti (es zucca mese di novembre). Una volta al mese c'è' il menù misterioso legato alle ricette regionali/etniche (menù associato alle regioni per capirne le origini es. cous cous), ricette della Dieta Mediterranea, frutta e verdura a colori.
Esempi di altri progetti "Dal latte al gelato" , " Girotondo con un chicco di grano", " Educazione al gusto" ecc...

PORZIONI

Come da Manuale Applicativo si e' stabilito che per il dosaggio della pasta asciutta al sugo, lo strumento più indicato e' il diametro del mestolo, 40 gr. per infanzia diam. mestolo 9 cm, 60 gr. primarie diam. mestolo 10 cm, 80 gr. secondarie diam. mestolo 12 cm. Per quanto ci riguarda, la porzione da 60 gr. è stata individuata in relazione al fabbisogno delle classi 4° e 5°; il personale addetto alla distribuzione per le prime classi valuta la quantità adeguata. La possibilità di fare il BIS non e' più possibile per PREVENZIONE OBESITÀ, o comunque è concesso solo per frutta e verdura, però e' stato comunicato che ogni classe ha diritto ad avere un piatto in più e che l'insegnante fa da mediatore perché conosce bene i propri alunni.

REFEZIONE

L' importo di ogni singolo pasto e' di € 5.90 ed e' sancito dalla gara d 'appalto, tale cifra ovviamente non riguarda solo i costi degli alimenti, ma comprende anche tutto quanto attiene alle spese di produzione: dipendenti, attrezzature, energia, ecc. ecc.
Negli ultimi anni la refezione e' aumentata notevolmente a causa del problema della distribuzione dei pasti che precedentemente era gestita dal personale comunale presente a scuola (i bidelli, per capirci) invece adesso e' a carico della ditta appaltatrice, e incide per circa € 2.00 sul costo totale del singolo pasto. Questo perchè il personale statale di servizio nelle scuole non ha più, tra le proprie mansioni, la distribuzione dei pasti.

PARLIAMO INSIEME

Per meglio conoscere il tema Mensa vi sono varie opportunità:
1 - I rappresentanti dei genitori possono pranzare a scuola prenotando il pasto tramite avviso sul diario dei propri figli; Al termine del pranzo dovranno compilare un questionario di gradimento;
2 - Riunioni Commissione Mensa;
3- Interviste agli alunni tramite un semplice questionario;
4 - Visita guidata alla Cucina centralizzata, solitamente a febbraio, dove i rappresentanti potranno visitare la struttura della cucina e visionare il metodo di lavoro per la preparazione dei pasti.

OBIETTIVI RAGGIUNTI DALL'APPALTO GLOBAL SERVICE

* Riqualificazione dei centri di distribuzione dei pasti, ad esempio arredi in acciaio;
* Incremento della qualità delle derrate alimentari, ad esempio carni Coalvi, bastoncini di pesce a marca Findus e alimenti biologici;
* Ideazione di progetti di informazione e formazione dell'utenza, ad esempio il calendario menù e le ricette con ingredienti misteriosi;
* Inserimento della compostiera per gli scarti ortofrutticoli
* Responsabilità del gestore per la manutenzione degli impianti.

Si è discusso anche sul consumo dei pasti in classe o se fosse meglio il refettorio; si è convenuto che il refettorio è dispersivo, gli allievi chiaccherano di più, maggiore confusione e maggiore spreco di cibo. Il consumo dei pasti è a turni.

Manuela Previati

Stefania Arestia
avatar
Marco Bella

Messaggi : 37
Data d'iscrizione : 29.10.14

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum